Jacuzzi: dalla malattia del piccolo Ken l’intuizione dell’idromassaggio

Questa presentazione richiede JavaScript.

“Ora ho 74 anni… l’idroterapia mi ha davvero permesso di vivere una vita normale. Sai cosa dissero i medici quando mi hanno diagnosticato l’artrite? Che non sarei sopravvissuto oltre i tre anni di vita” Ken Jacuzzi

Il nome Jacuzzi rievoca universalmente sensazioni di piacevole relax, tanto che le omonime vasche sono da decenni un vero e proprio must nelle ville delle celebrità e dei magnati di tutto il mondo. Tuttavia non tutti sanno che l’idea di questi strumenti di idroterapia domestica è sorta da un problema molto serio che affliggeva un bambino appartenente alla famiglia di imprenditori italoamericani.

Partiti poverissimi dal Friuli nei primi del ‘900 e arrivati in California per lavorare come braccianti nei frutteti, i fratelli Jacuzzi iniziarono dopo qualche anno di permanenza negli USA a produrre con discreto successo pompe per uso agricolo ed eliche per i primi aerei prodotti in America. Purtroppo nel 1943 il piccolo Kenneth, il quarto figlio del più giovane dei fratelli Jacuzzi, sviluppò a soli due anni di età una grave forma di artrite reumatoide. Il medico di famiglia consigliò ai suoi genitori di sottoporlo a cure specifiche presso un lontano centro idroterapico. Notando che le saltuarie immersioni in ospedale contribuirono ad alleviare i dolori del figlio in maniera evidente, il padre Candido Jacuzzi volle creare nel 1956 la prima pompa portatile che sintetizzava gli effetti curativi dell’idroterapia, consentendo così a Kenneth di eseguire i trattamenti nella vasca da bagno della sua abitazione. Il progetto di Candido fu perfezionato nel 1968 da Roy, un membro di terza generazione della famiglia, che progettò una vasca con bocchette integrate e un sistema idromassaggiante molto simile ai modelli di vasche Jacuzzi attuali.

Il piccolo Kenneth Jacuzzi potè quindi effettuare l’idroterapia ogni giorno ottenendo una notevole riduzione sia del dolore sia della rigidità articolare dovuti alla malattia e questo gli  consentì di condurre una vita lunga e serena. Infatti scomparse nel 2017 all’età di 75 anni, nonostante i medici al momento della diagnosi gli avessero comunicato un’aspettativa di vita non superiore ai tre anni di età. L’invenzione dell’idromassaggio tuttora allevia i disturbi di migliaia di malati di ogni età… oltre ad offrire momenti rilassanti in tutto il mondo.

jacuzzi1 - logo

Il Museo della Resilienza ospita una lettera inviata il 30 luglio 1962 dal rappresentante Jacuzzi per l’Europa Ing. Fulvio Costelli ad un potenziale distributore in Piemonte per la creazione di una rete commerciale italiana su scala regionale, in previsione del lancio in Europa del suo primo apparecchio portatile per l’idromassaggio.

CURIOSITÀ

I fratelli Jacuzzi amavano gli esperimenti meccanici e spesso apportavano idee innovative e brevetti di successo in settori molto diversi tra loro. Tra le numerose invenzioni delle famiglia friulana si ricorda, ad esempio, la costruzione del primo aereo cabinato multiposto della storia.

 

Un pensiero riguardo “Jacuzzi: dalla malattia del piccolo Ken l’intuizione dell’idromassaggio

  1. Buongiorno, come tutte le grandi idee e invenzioni nascono per un bisogno necessità impellente, paradossalmente oggi si sta troppo bene per avere questo tipo di invenzioni

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close